Socialfarma: network di informazione e formazione per il farmacista

Socialfarma è il nuovo network di informazione e formazione per il farmacista, una community di categoria, un sistema in linea con le evoluzioni della professione che guarda a dare un’informazione pulita, apartitica e fruibile.

Il progetto si suddivide in tre sessioni: open, professional e business , in tre gradi di approfondimento e accesso alle notizie che permette anche di avere dati e informazioni da parte del farmacista.

Un nuovo modo di gestire l’informazione che Marketing Farmaceutico sposa nettamente e presenta come via e valido strumento per generare il cambiamento. A tal proposito e guardando la crescita, nonchè l’interesse generato, abbiamo deciso di intervistare direttamente l’ideatore, nonchè l’Amministratore unico di Socialfarma, il dott. Umberto Ferrieri Caputi.

1)      Socialfarma, una piattaforma di notizie su misura del farmacista: da dove e come nasce questa idea?

Socialfarma nasce dalla necessità di dare un informazione completa al farmacista in un unico punto senza dover andarle a ricercare in diversi siti. Un’informazione esaustiva che possa collegare le associazioni di categoria, gli ordini e tutti gli attori coinvolti nella gestione del sistema farmaceutico e sanitario in cui la farmacia si cala.

2)      Lei stesso è un farmacista reputa questo un punto di forza o di debolezza nell’avvio di un business dedicato al suo stesso comparto?

Sicuramente non è stato né un punto di forza né un punto di debolezza, in quanto quando ho rilevato la mia farmacia, ho dovuto rimboccarmi le maniche e gestire lo svecchiamento della professione che inevitabilmente passa attraverso l’aggiornamento e la formazione costante. Da qui è nata la necessità di rendere l’informazione fruibile a tutti in maniera immediata e comodamente in farmacia, dove si è chiamati a svolgere primariamente il proprio ruolo.

3)      Il momento che il mondo delle farmacie sta attraversando è estremamente delicato e caldo, sui social si assiste quasi ad una lotta intestina tra farmacisti titolari e farmacisti titolari di parafarmacie, pensa che siano solo burattini in mano a poteri più grossi e che questa lotta poteva lasciare il fianco invece ad una collaborazione profittevole?

Sicuramente quanto si vede e legge sui social non da lustro alla professione, molto spesso si assiste ad invettive contro persone nascondendosi dietro un nickname, questo non deve accadere, o per lo meno il confrontro deve avvenire alla pari conoscendo l’interlocutore e soprattutto prendendosi la responsabilità di ciò che si scrive. In questo la volontà di Socialfarma è proprio quella di evitare scontri infruttuosi e anzi favorire dialoghi costruttivi e di cooperazione tra i vari soggetti. La struttura del sito infatti non permette lo scontro diretto, ma permette il dialogo anche e soprattutto con chi è codificato riconosciuto con nome e cognome e relativa PEC.

 

Autore

Nunzia Maria Tinelli

Cosmetologa e Coach

Corsi Disponibili